Minimal design - Ferrolegno

Arredamento minimal: uno stile sempre di moda

Per chi non ama le case particolarmente ricche di oggetti e decori, l’arredamento minimal è sicuramente uno stile estetico da valutare.

Si caratterizza per una presenza di elementi ridotta al minimo essenziale, le linee semplici delle forme ed i colori tenui e neutri. Tutti questi aspetti legati tra loro offrono ambienti eleganti, pratici e funzionali.

Lo stile dell’arredamento minimal

Le prime soluzioni di arredamento minimal design fecero il loro esordio negli anni ‘60 del secolo scorso. In questo periodo, fucina di rivoluzioni culturali ed estetiche, anche il design di interni inizia a proporre nuovi stili, in linea con i gusti moderni ed influenzati dalle nuove tendenze.

Le opzioni compositive proposte dal design minimal rimuovono il superfluo e lasciano spazio ad un uso più pragmatico degli ambienti. L’eccesso e la stravaganza sono banditi e la casa diventa contemporanea e pratica, con ampi spazi luminosi ed arredi essenziali.

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono i tratti caratterizzanti dell’arredamento minimal (clicca qui per vedere un po’ di esempi).

L’ordine e lo spazio

Gli elementi che compongono l’arredo minimal sono pochi e basici. Ogni oggetto ha una sua funzione ed una posizione precisa nell’ambiente, e partecipa alla composizione stilistica minimal della casa.

Il tutto è reso armonioso da un design dalle linee semplici e sobrie. Gli ingombri sono ridotti al minimo e funzionali ad un uso pratico.

Niente credenze o mobili dalle forme improbabili, nello stile minimal non c’è spazio ad esibizionismi e stravaganze. Tutto si riduce allo stretto necessario: mobili pensili, cabine armadio, letti a scomparsa, ecc..

Il risultato sono spazi più ampi e una casa dall’aspetto ordinato e pulito.

Minimal design - Ferrolegno
Foto: FerroLegno

I colori

Nello stile minimal sono i colori neutri a conferire personalità all’ambiente, in quanto mettono in evidenza ogni elemento d’arredo facendolo risaltare.

Il bianco, il tortora, il grigio perla, il marrone, il grigio scuro o il nero, sono le cromie più gettonate; insieme ai colori naturali del legno o della pietra.

Alternando i colori chiari e scuri si può valorizzare ulteriormente l’armonia dell’insieme. Ad esempio, abbinando un tavolo grigio scuro e delle sedie grigio chiaro, o viceversa.

Gli ambienti risultano accoglienti e caldi, trasmettono comfort e un piacevole senso di relax.

Goldenster Townhouse - Ritmonio
Foto: Ritmonio

I materiali

Tutti i tratti caratterizzanti dello stile minimal visti sin qui, si riflettono anche nella scelta dei materiali.

Tra i prodotti e gli effetti più gettonati vi sono il legno con finitura naturale, le resine, il cemento. Molto apprezzato anche il vetro o il cristallo per tavoli, tavolini e mensole, magari con qualche inserto in metallo.

Ed ancora: superfici laccate per porte e armadi, tessuti in cotone per rivestimenti e tendaggi.

Le pareti del living e della zona notte hanno una finitura in pittura murale opaca.

Per le pavimentazioni sono molto gettonate le superfici continue in gres porcellanato (effetto legno, cemento, resina).

Mentre, per il bagno e la cucina spesso il pavimento ed il rivestimento delle pareti sono realizzati con lo stesso materiale.

I colori sono quelli indicati in precedenza: neutri, non sgargianti e con finiture satinate naturali.

Arredamento minimal cucina
Foto: Ernestomeda

Le luci

Come abbiamo detto, in un ambiente minimal, la luminosità è molto importante, così come lo sono gli elementi d’arredo. Già la scelta dei colori chiari amplifica la luce naturale e rende l’ambiente più luminoso e accogliente durante la giornata.

Mentre, per le ore notturne, in un arredamento minimal, i punti luce sono rappresentati da corpi luminosi dedicati a specifiche aree. Si crea così un’atmosfera più intima e confortevole (si evita anche l’effetto centro commerciale).

Ad esempio, vicino al divano possiamo posizionare una lampada a stelo lungo, in legno naturale o metallo, elegante e semplice nelle forme. In altre zone possiamo far ricorso a faretti da incasso, come il tavolo, il piano cottura, o l’ingresso. Molto gettonate anche le barre led, capaci di illuminare porzioni di elementi di arredo (top, librerie, mensole, testiere letto, ecc.) e valorizzarli ulteriormente.

Minimal arredamento

Le decorazioni

Anche per quanto riguarda le decorazioni di una casa in stile minimal, il motto less is more trova la sua applicazione pratica. Ovvero, pochi elementi ma di buona qualità.

Le decorazioni sono superflue per definizione, quindi cerchiamo di selezionare con cura gli elementi che andremo ad introdurre nel contesto minimal, partendo da quelli indispensabili.

  • Quadri e poster. Sono forse gli oggetti che più rappresentano il nostro modo di essere e i nostri gusti personali. Una casa senza quadri sembra disabitata e non trasmette il giusto calore e l’accoglienza tipiche di un ambiente domestico. Per mantenere lo stile minimal basta orientare la scelta su oggetti con cornici ridotte o assenti (es. quadri a giorno), contenuti sobri e tinte neutre (es. foto in bianco e nero). Se abbiamo abbondato con i colori neutri per altri elementi, non è male sperimentare un contrasto con una stampa Pop Art.
  • L’orologio. Come possiamo fare a meno di un bel orologio da parete? Anche in questo caso il gusto ci suggerisce forme ampie, eleganti, magari con cornice in metallo satinato.
  • Il verde. Una casa deve avere la sua quota verde, altrimenti non sarebbe accogliente e piacevole da vivere. Una pianta di Anthurium è elegante e non richiede troppe cure, così come la Kentia, l’Orchidea, il Ficus Benjamin e la Spathiphyllum. Come fiori recisi sono da prediligere i tulipani e le calle.
  • Tendaggi. Per consentire alla luce del giorno di illuminare tutto l’ambiente è meglio optare per un tessuto leggero naturale (cotone, lino) e di un tono più scuro o più chiaro rispetto alla cromia scelta per le pareti.

Decorazioni minimal design

Arredamento minimal: i vantaggi

Abbiamo visto quali sono le caratteristiche di un arredamento minimal e qualche idea su come realizzarlo.

Per concludere vediamo quali sono i vantaggi di un arredamento minimal.

Spazio e libertà di movimento. Con i mobili ridotti al minimo e poco ingombranti abbiamo a disposizione più sazio per muoverci e rilassarci.

Ordine e pulizia. Un ambiente più organizzato e con pochi elementi è anche più semplice da mantenere in ordine e pulito.

Confortevole. In conseguenza dei punti appena visti, la casa ci sembrerà più accogliente, piacevole da vedere e vivere, in ogni suo aspetto.

Cabina armadio Scavolini design by Vuesse
Foto: cabina armadio Scavolini – design by Vuesse

Se sei affascinato dall’arredamento minimalista ed essenziale, potrebbe interessarti anche l’arredamento nordico.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp